Proponiamo un circuito cittadino molto facile e percorribile anche da mezzi per disabili
L’intero anello è lungo 2,5 km e richiede circa un’ora (visite escluse)

Attraversiamo gli scorci più belli e ammiriamo i luoghi più importanti

Partiamo dall’Abbazia, la cui visita può richiedere un tempo variabile a seconda di quanto si vuole approfondirne la conoscenza.
Suggeriamo di non perdere il chiostro, un luogo che vi lascerà qualcosa dentro per sempre.

Lo splendido chiostro

Abbazia

Dinnanzi all’Abbazia si erge il Palazzo Bernardi Tarzoni, ora privato, dove una lapide ci ricorda nacque e morì Jacopo Bernardi, presbitero, educatore e patriota italiano.

Palazzo Tarzoni

Dall’Abbazia si procede verso S. Scolastica dove possiamo ammirare la sorgente del Follina, uno dei fiumi più corti d’Italia. La sorgente fu dedicata a S. Scolastica, così tramanda la leggenda, dai monaci benedettini, presenti a Follina dal XII secolo, in onore della sorella del loro fondatore, S. Benedetto da Norcia.

Sorgente di s. Scolastica

Sul posto una lapide ci ricorda il restauro della sorgente, con una frase del celebre poeta Andrea Zanzotto  “si manifesta e sgorga acqua cruda di primavera“.

Quindi si torna un po indietro e si gira a dx per via Paradiso. Possiamo ammirare sulla dx, un antico lavatoio

Lavatoio

davanti all’imponente ex Lanificio Andretta, ora adibito a casa di riposo

Ex lanificio Andretta

Si attraversa la provinciale e si prosegue per via Roma, passando accanto ad un altro bellissimo scorcio sul Follina.

Scorcio in via Roma

Acque limpidissime del Follina

Quindi a dx e poi a sx attraversando un piccolo arco del 1666,   per imboccare via Fratte che corre accanto il torrente s. Pietro

Via Fratte

Al ponte in metallo si attraversa e, ammirando alcuni edifici d’epoca, costruiti per ospitare gli operai del lanificio Paoletti

Casette d’epoca per gli operai del lanificio

ci si porta al maglio, altro piccolo gioiello di questo borgo (attualmente chiuso, visibile attraverso le finestre)

Il maglio

Quindi si risale verso l’Abbazia per chiudere il giro, non prima di aver ammirato lo splendido palazzo Barberis Rusca.

Palazzo Barberis

Classico scorcio del complesso abbaziale

Qualora non si volesse percorrere l’intero anello, dopo aver percorso via Roma si può ripiegare a sx evitando la parte sud, con il maglio.

Mappa percorso